Dall'agricoltura Biologica >Bì<

l'uovo non era mai stato così uovo! Perché...

Perchè il sistema di allevamento è all'aperto.

Ogni allevamento che pratica l'Agricoltura Biologica ricerca costantemente le soluzioni che preservino nel modo migliore l'ambiente.

In questi allevamenti le galline non sono tenute in gabbie, ma vivono libere.
Dispongono di ampi spazi per beccare, razzolare o riposare nel pieno rispetto delle loro esigenze ed hanno aria e luce naturale in abbondanza.

Di dimensioni contenute gli "allevamenti biologici" hanno un numero di capi limitato, in modo da garantire oltre 2,5 mq di prato aperto per gallina.
Negli allevamenti Bi le ovaiole vivono secondo la loro natura, a differenza degli allevamenti a sistema intensivo in batteria dove vigono particolari condizioni artificiali di vita (luce programmata, tipo di mangime, medicinali di origine chimica, ecc...), non sono sottoposte ad una intensa stagione produttiva cosi che depongono uova più ricche ma in numero e dimensioni inferiori.

Perché l'alimentazione è totalmente naturale.

La razione alimentare in questi allevamenti deve essere composta da prodotti vegetali provenienti da coltivazioni biologiche. Non è consentito perciò il ricorso all'utilizzo di vitamine concentrate, integratori di sintesi o altri additivi chimici.
L'assenza poi di coloranti sia artificiali che naturali attribuisce all'uovo Bi una particolare colorazione giallo chiaro del tuorlo.
Solo attraverso una alimentazione totalmente naturale ed equilibrata è possibile restituire all'uovo colore e gusto autentici, non uniformi per natura.

Per le cure veterinarie.

La prevenzione è la regola prioritaria.
Essa passa attraverso un'azione sull'ambiente esterno, sull'alimentazione e sull'animale secondo il piano della profilassi.
Non sono consentiti trattamenti sistematici con medicamenti d'origine chimica, così che le galline che, durante il periodo di deposizione, subiscono interventi terapeutici con medicinali veterinari di sintesi devono essere obbligatoriamente escluse dal circuito dell'Agricoltura biologica.

Perché sono certificate “BIO” controllato e certificato.

Per ottenere la certificazione "da agricoltura biologica" è necessario rispettare regole ben precise, eseguire accurati controlli nella conduzione dell'allevamento, nelle coltivazioni e nei processi ditrasformazione. Le uova " Bi " sono certificate da BIOAGRICERT.

L'Agricoltura Biologica in 11 punti.

  1. Produrre alimenti di elevato valore nutritivo in quantità sufficiente
  2. Lavorare con metodi secondo natura, piuttosto che cercare di dominare la natura.
  3. Incoraggiare ed innescare cicli biologici in un sistema di agricoltura che coinvolga microrganismi, flora e fauna del suolo, piante e animali.
  4. Mantenere e incrementare una durevole fertilità del suolo.
  5. Utilizzare il più possibile risorse rinnovabili in sistemi agricoli organizzati localmente.
  6. Lavorare il più possibile con sistemi agricoli chiusi per quanto riguarda la sostanza organica e gli elementi nutritivi.
  7. Garantire agli animali allevati adeguate condizioni di vita che permettano ad ogni specie di estrinsecare tutti gli aspetti tipici del comportamento.
  8. Evitare tutte le forme di inquinamento che possono derivare dalle tecniche agricole.
  9. Mantenere la diversità genetica del sistema agricolo e dei suoi dintorni, inclusa la protezione di piante e habitat selvatici.
  10. Assicurare ai produttori agricoli condizioni di vita soddisfacenti, una retribuzione adeguata e un ambiente di lavoro sano.
  11. Tener conto dell 'impatto sociale ed ecologico del sistema agricolo.


(dalle normative IFOAM: International Federation of Agricolture Movements)